Crea sito

Canada. Restituiti alla Bulgaria beni archeologici esportati illegalmente

via | Archeorivista.

Canada. Restituiti alla Bulgaria beni archeologici esportati illegalmente

Una ricca collezione di reperti archeologici, provenienti da scavi clandestini effettuati in Bulgaria ed importati illegalmente in Canada, sono stati riconsegnati venerdì scorso al Ministro della cultura bulgaro, Vezhdi Rashidov, nel corso di una cerimonia svoltasi presso il Canadian Museum of Civilization di Gatineau.

beni restituiti comprendono oltre 18.000 monete ed altri oggetti come anelli, pendenti, fibbie per cinture, frecce, punte di lancia, e alcuni aghi da cucito in osso, risalenti a differenti periodi storici: ellenistico, romano, macedone, bizantino, bulgaro e ottomano.

L’indagine, che ha portato al ritrovamento di questi materiali, è iniziata in seguito all’intercettazione da parte del Canada Border Services Agency di due invii postali illegali di beni culturali dalla Bulgaria. Le successive indagini della Royal Canadian Mounted Police hanno portato al sequestro di circa 21.000 oggetti, il più grande sequestro di beni culturali mai effettuato nel paese.

Il Canada e la Bulgaria sono entrambi firmatari della Convenzione concernente le misure da adottare per interdire e impedire l’illecita importazione, esportazione e trasferimento di proprietà dei beni culturali, in virtù della quale i paesi firmatari si impegnano a collaborare per il loro recupero.

“Questa è la più cospicua restituzione di beni culturali importati illegalmente in Canada, siamo lieti di restituire questi 21.000 preziosi manufatti al loro paese di origine, la Repubblica di Bulgaria” ha dichiarato il Ministro James Moore “il ritorno di questi oggetti sul suolo bulgaro dimostra l’impegno del Canada a porre fine al traffico di beni culturali e a recuperare i beni importati illegalmente”.

 

Be Sociable, Share!

, ,

No comments yet.

Leave a Reply


*

Powered by WordPress. Designed by WooThemes