Crea sito

Lu.Be.C. 2010, una finestra virtuale sul futuro dei beni culturali

Fonte: www.lubec.it.

LU BE CPixel e pennellate, sistemi in 3D e reperti archeologici, musei erealtà aumentate”. Con i suoi innovativi progetti, anche quest’anno Lu.Be.C. si conferma momento cardine del dibattito internazionale intorno alla filiera beni culturali–turismo–tecnologia. La sesta edizione dell’evento, ampliata a due giorni e fortemente integrata con la rassegna espositiva, vedrà alternarsi alle sessioni plenarie dibattiti, seminari formativi e presentazioni.

L’universo dei beni culturali: esperienze a confronto. Oltre 150 tra relatori ed espositori nazionali ed esteri, provenienti dal mondo del pubblico e del privato,  si confronteranno nella splendida cornice del Real Collegio su strategie di intervento, committenza pubblica e nuove professionalità.

Lo spunto di partenza è fornito dall’analisi dei dati, da modelli di business e da casi realizzati, elementi indispensabili per rendere ancor più competitivo il settore, in nome della qualità e dell’efficienza. L’importanza della tecnologia nei beni culturali, il processo alle “male pratiche” della pubblica amministrazione, la discussione intorno alla predisposizione di un “bando ideale” e l’approfondimento sugli investimenti di Arcus e delle fondazioni bancarie sono solo alcuni dei temi che verranno affrontati nei vari appuntamenti del programma. Bit e capolavori, un matrimonio che funziona. L’elemento destinato a catturare maggiormente l’attenzione degli addetti ai lavori è sicuramente Lu.Be.C. Digital Technology, la rassegna espositiva in cui saranno presentate le soluzioni più originali e innovative nell’ambito della valorizzazione dei beni culturali e del marketing turistico-territoriale. Personaggi storici ricostruiti virtualmente condurranno i visitatori alla scoperta dell’esposizione, illustrando le mirabilia dei sistemi audio in 3D, le opportunità offerte dalla “realtà aumentata” in ambito archeologico e cittadino, i servizi di cloud computing, i “musei delle pure forme”, i libri antichi a portata di clic e molto altro ancora. Dunque, occhi puntati sulle potenzialità di quel museo a cielo aperto che è il Belpaese. Ma non solo: in linea con l’internazionalizzazione dell’iniziativa, quest’anno Lu.Be.C. ospiterà una delegazione della Finlandia, Paese che con le sue best practices ha permesso ad aziende come la Nokia di raggiungere successi planetari.

Info e presenze. Infine, giova ricordare che anche per questa edizione è confermata la partecipazione dei Ministeri di riferimento dell’intera filiera: MIBAC, MISE, MIUR e Ministero del Turismo; ancora a Lu.Be.C. Confcultura/Confindustria, Regione Toscana, UPI, Arcus, Province, Comuni, Università ed istituzioni nazionali ed estere; confermata la presenza di Unioncamere e la collaborazione con le Camere di Commercio, con il mondo dell’impresa e dell’editoria specializzata e con le Fondazioni Bancarie.

www.lubec.it.

La partecipazione è gratuita

Be Sociable, Share!

, , ,

No comments yet.

Leave a Reply


*

Powered by WordPress. Designed by WooThemes