Crea sito

Sorpresa in Piazza Anita Garibaldi Dal cantiere emerge un mosaico

via | il resto del carlino

ARCHEOLOGIA. Il ritrovamento durante gli scavi per la nuova isola ecologica di Hera



Ravenna, 1 Luglio 2011 – GLI OPERAI al lavoro nel cantiere per la nuova isola ecologica di Hera in piazza Anita Garibaldi, di fronte al liceo classico Alighieri, ieri pomeriggio, devono aver sgranato gli occhi: da una delle due aree di scavo è emerso un mosaico, a quanto pare di dimensioni considerevoli (cinque metri per quattro). Il cantiere è stato immediatamente chiuso, e sono state prese tutte le misure del caso per evitare il danneggiamento del reperto.
Sul posto, per una prima ricognizione, assieme ai tecnici di Hera è arrivato il personale della Soprintendenza, ma solo oggi il mosaico verrà esaminato nel dettaglio, per una prima stima dell’epoca a cui risale.

GLI SCAVI, peraltro, erano iniziati a fine maggio con un ‘presagio’: nei primi giorni di lavoro, all’interno del perimetro del cantiere erano state trovate fondamenta di un edificio di inizio Novecento. Un edificio di nessun interesse architettonico, che non aveva quindi richiesto lo stop ai lavori. Ma poche settimane dopo, ecco il colpo di scena.

NON È certo la prima volta che a Ravenna si verifica un ritrovamento accidentale di questo tipo. L’esempio più clamoroso è la Domus dei tappeti di pietra: nel 1993, durante gli scavi per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, a pochi metri da via cavour, sono venuti alla luce i resti di una domus bizantina del V-VI secolo. Dal 2002 (anno in cui è stato inaugurato dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi), il sito archeologico — posto tre metri sotto il livello della strada — è aperto al pubblico: vi si accede dalla settecentesca chiesa di Sant’Eufemia, in via Barbiani.

QUANTO all’isola ecologica in costruzione, si tratta della seconda in città dopo quella di piazza Andrea Costa. Il progetto complessivo prevede altre tre isole interrate (in piazza Kennedy, piazza Garibaldi e largo Firenze), ma sarà realizzato sulla base di una valutazione sull’efficienza delle prime due. Se effettivamente si inizierà a scavare in altre tre piazze, non si possono escludere ulteriori sorprese archeologiche.

 

Be Sociable, Share!

, ,

No comments yet.

Leave a Reply


*

Powered by WordPress. Designed by WooThemes